loading...

400.000 mila Euro a Benigni per cantare una canzone di Merda!

Benigni: lo share non è tutto
Un compenso da 400 mila euro per una stanca performance.
di Bruno Giurato
Il picco di ascolti di Il più grande spettacolo dopo il week end è stato l'Inno del corpo sciolto di Roberto Benigni. Alle 23,10, quando il Nostro ha iniziato a intonare la canzoncina, gli spettatori hanno raggiunto quota 16 milioni e 60 mila. Alla fine del cameo si è avuto il picco di share: 61,55%. Sono numeri che dicono molto, se non altro giustificano gli introiti pubblicitari per un cachet del Roberto nazionale che, secondo i bene informati, si aggira sui 400 mila euro.
Ma secondo molti quella del 5 dicembre 2011 non è stata un'apparizione memorabile. Aldo Grasso sul Corriere della sera ha scritto di un Benigni «spento».
I critici televisivi, chi più chi meno, hanno sottolineato la dipendenza di Benigni da Berlusconi: e in effetti la Fiaba del Cavaliere è stato il momento più allegro della performance. La predica finale del premio oscar è risultata un minestrone di luoghi comuni. Benigni ha aperto dicendo: «io sono quello che sa meno del mondo», dopodiché, tanto per correggere la professione di umiltà, è passato a citare l'Ecclesiaste: «Due sono più di uno». E in chiusura l'artista toscano ha chiuso ricordando il geniale fumettista Andrea Pazienza: «Non bisogna mai tornare indietro, neanche per prendere la rincorsa». Solo che la frase non era di Pazienza, che l'aveva solo riportata in un fumetto. Pare fosse di Che Guevara.

Nessun commento:

loading...
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...