loading...

LO ZAR PUTIN SPAVENTA L'ITALIA: "correte un grosso pericolo"

Trova sempre più conferme la notizia sui movimenti dei vertici dell’Isis dalla Siria verso la più “tranquilla” Libia. L’ultima arriva dal Cremlino per voce del ministro degli Esteri di Vladimir
Putin,Sergej Lavrov, che ieri ha incontrato i giornalisti italiani a Mosca. Le ultime indiscrezioni dicono che il Califfo in persona, Al Baghdadi, sia arrivato a Sirte, di fatto a poche centinaia di chilometri dalle coste italiane.


Lavrov non si sbilancia, ma assicura: “Il Califfato vuole fare di Sirte una filiale di Raqqa. Per l’Italia è un problema serio. Noi siamo pronti ad aiutarvi”. Sulla posizione del Califfo resta prudente, come riportato dall’intervista su Repubblica: “Non so dove sia Al Baghdadi – ha detto Lavrov -. Ma abbiamo informazioni su cellule dell’is insinuate nelle milizie libiche”. L’obiettivo del capo dell’Isis è tutto propagandistico e con la mossa di arrivare in Libia vuole dimostrare di potersi espandere perché riscuote successo ovunque arrivi il suo esercito: “Per l’Italia – avverte il ministro russo – è una forte preoccupazione per motivi geografici e storici. Putin e Renzi ne parlano da più di un anno in tutti i loro incontri. Faremo del nostro meglio per aiutarvi”.

L’intervento – Intervenire militarmente in Libia sembra sempre più indispensabile, ma Lavrov vuole mettere in guardia i Paesi Nato ricordando i gravi errori del passato in quelle terre: “Speriamo che tutti si rendano conto del grave errore commesso in Libia quando si pensò che la fine di un regime fosse la panacea di tutti i mali. Bombardare Gheddafi – ricorda Lavrov – destituirlo, giustiziarlo in diretta tv, ma senza un progetto alternativo, fu una grave dimostrazione di irresponsabilità. Noi diciamo: non scavare una buca per gli altri, perché poi ci cadi anche tu”.

Nessun commento:

loading...
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...