loading...

Le elezioni si avvicinano e la gara a chi spara la cazzata più grossa è partita!

DI SANDOKAN

sollevazione.blogspot.it

Le elezioni si avvicinano e la gara a chi spara la cazzata più grossa è partita. Nel centro destra Berlusconi sorpassa Salvini (via la legge Fornero e quella sui vaccini) e promette, oltre che l’allungamento della vita a 120 anni con la pensione minima a mille euro, l’abolizione del Jobs Act.
Sul fronte opposto (si fa per dire) Renzi lancia la proposta del salario minimo legale di 9/10 euro. A sinistra, preoccupati di non apparire “populisti”, volano basso: Pietro Grasso ha proposto l’abolizione delle tasse universitarie per tutti.

Potete star certi che nessuna di questa misure verrà adottata da questi signori nel caso, Dio non voglia, salissero al governo. Ci penserà l’Europa a ridurre questi giullari a più miti consigli, con le buone o con le cattive. Ovviamente questi imbroglioni lo sanno, e solo per questo loro uso sistematico dell’inganno non solo non vanno votati ma andrebbero messi alla gogna.

Luigi Di Maio invece, pensando di smarcarsi da questa commedia di scimmie, siccome sente profumo di governo, non perde occasione, dato che al governo ci vai se hai il beneplacito dei poteri forti, di lusingarli, sforzandosi di apparire come un leader affidabile.

Così ci spieghiamo, dopo tante manfrine, il definitivo voltafaccia sulla questione dell’euro. Lo ha fatto l’altra sera a Porta a Porta, tempio del politicantismo. Egli ha testualmente affermato:


«Il quadro europeo vede non più quel monolite che era l’asse franco-tedesco, ma c’è un momento in cui l’Italia può contare di più a quei tavoli, e quindi non credo che sia più il momento dell’Italia per uscire dall’euro, infatti io parlo del referendum come estrema ratio, che spero di non utilizzare».

Così, con questo gettare nel cesso uno dei motivi che hanno spinto al successo il M5S, Di Maio è il protagonista della commedia di scimmie della politica italiana.

Né ridere né piangere, scriveva Spinoza, ma capire. E la prima cosa da capire è che il Movimento 5 Stelle, semmai andasse al governo, a parte qualche nota stonata, suonerà lo stesso spartito degli orchestrali precedenti, in devoto rispetto dei diktat euro-tedeschi.

Sì, i Cinque Stelle sono diventati il tappo, l’ostacolo principale che impedisce un profondo cambiamento, che potrà avvenire solo con una sollevazione di popolo. Sì, in ultima istanza i Cinque Stelle sono diventati l’ultima muraglia a difesa del sistema.

Forse è proprio per questo che sarebbe bene che salgano al governo, perché i tanti cittadini che ancora si illudono che i Cinque Stelle siano diversi, che siano l’alternativa, si ricrederebbero.

Forse questo è il solo modo per spezzare l’incantesimo che paralizza milioni di cittadini, per porre fine l’illusione che la svolta di cui il Paese ha bisogno possa venire dall’alto, da questa o quella consorteria politicante.

Forse solo così si libereranno le energie necessarie per cambiare non solo musica, ma anche l’orchestra



Sandokan

Fonte: http://sollevazione.blogspot.it

Link: http://sollevazione.blogspot.it/2018/01/di-maio-il-traditore-di-sandokan.html

11.01.2018
stampa la pagina

Nessun commento:

loading...
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Post più popolari