loading...

La stangata del 2012,ecco cosa ci aspetta!

 L'A.C.E. del Prof Monti e beneficiari della manovra . 2012 : 916.000 posti di lavoro perduti , crescita negativa del’1,6% , pressione fiscale reale al 54%. Confindustria non fa barricate e non “spara” su Monti. Perché? La concentrazione su IMU, PENSIONI ha impedito di vedere i reali effetti della stangata "salva Stato".L’acquisita scelta di trasferire la tassazione dalle persone alle cose per modificare la tassazione sulle persone fisiche è stata stravolta da Monti. A settembre l’IVA è stata modificata dal 20% al 21%. A ottobre 2012 con la manovra del Prof l’aliquota ridotta passerà dal 10% al 12%, quella ordinaria dal 21% al 23% con la possibilità nel 2014 di passare nel 2014 rispettivamente al 12, 5% e al 24.5%. Entrate a regime pari a 16 miliardi di euro. Altri 21 miliardi verranno dall’IMU e 6 miliardi dalle accise e dalla tassazione delle rendite finanziarie portate al 20%. Conto totale pari a 43 miliardi di euro. Dove vanno questi soldi? Probabilmente bisogna valutare un acronimo di nuovo conio: ACE, “ aiuto alla crescita economica “. Come opera? Le società possono dedurre il rendimento applicato al capitale sociale. Questo rendimento sarà quantificato per i prossimi tre anni pari al 3%.Esempio una società ha un capitale sociale di un miliardo ? Può dedurre 30 milioni di euro dalla tassazione. Dopo i 3 anni questo rendimento sarà pari alla media dei rendimenti dei titoli pubblici. Secondo l’economista Vialetti tale scelta non ha nulla a che fare con la crescita. Quanto costa quest’aiuto alle imprese? La Relazione tecnica la stima in un miliardo nel 2012 e 3 già nel 2014. Secondo Vialetti in audizione alla Camera, la perdita di gettito è destinata a crescere al ritmo di un miliardo in più l’anno e tale da dimezzare i 37 miliardi di Ires (imposta reddito società) provenienti dalla tassazione delle società e i parte del gettito Irpef proveniente dalle imprese. Aggiungendo anche gli sgravi Irap , alle imprese a regime arriveranno 30 miliardi di sgravi interamente sottratti alle famiglie. Gli effetti? Un riduzione del costo di imposta per unità di prodotto (Vitaletti) per far aumentare la produttività. Insomma cotanta “ scienza” di cotanti “ bocconiani e banchieri” per arrivare alle svalutazioni competitivi dei governi di 35 anni fa !!! La differenza è che invece di chiamarle “ svalutazioni competitive valutarie “ la chiamano con il criptico “ ACE “ ma più che un detersivo è “ olio di ricino “ per le famiglie!!! A questo aggiungiamo la garanzia dello Stato fino al 30 giugno 2012 sulla passività delle Banche , con scadenza a tre mesi e fino a 5 anni o addirittura a 7 per le obbligazioni bancarie garantite. Chiarissima l’identità dei beneficiari e altrettanto chiara è la platea di chi paga . Tutto questo passa come “ salva stato” e legittimato da PDl, PD, UDC e vari altri.

Nessun commento:

loading...
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...