loading...

Rc auto,rischio aumento tariffe con l'accorpamento delle provincie!


L'accorpamento delle province recentemente approvato dal Governo Monti rischia di tradursi in un aumento delle polizze RC auto. Secondo uno studio condotto in merito da Facile.it, la riorganizzazone amministrativa potrebbe andare a influire sulle tasche di un milione e mezzo di italiani.

Possibili aumenti fino al 2%. La ragione di questi possibili incrementi è semplice: sull'entità del premio RC auto influiscono vari elementi, tra cui l'imposta provinciale, che può essere compresa tra il 9 e il 16% a discrezione dell'amministrazione locale. "Con l'accorpamento, salvo cambiamenti, sono diverse le province che, inglobate in quelle più grandi, potrebbero fare i conti con un incremento della tassazione fino al 2%", come spiega il sito.

Provincia che vai, caso che trovi. Stando a quanto rivela l'indagine, i cittadini più penalizzati sarebbero quelli della provincia di Parma, che oggi hanno un'aliquota del 14%, ma che rischia di salire al 16% nel caso di accorpamento a Piacenza. Situazione paradossale quella di Treviso: i residenti, dal 1° settembre scorso, hanno visto scendere l'aliquota al 15%. In caso di accorpamento con Belluno tornerebbero al valore massimo del 16%, mentre se la provincia dovesse unirsi con quella di Padova, la percentuale scenderebbe al 12,5%.

L'eccezione di Teramo. Anche i cittadini di Pistoia (che verrà accorpata con Prato, Massa e Lucca) e quelli di Siena (provincia che verrà unita a quella di Grosseto) potrebbero pagare lo 0,5% in più. Al contrario, gli abitanti della provincia di Teramo, con l'accorpamento a L'Aquila, passerebbero dall'aliquota del 16 a quella del 15,5%. F.S.
loading...
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...