loading...

MAMME! AVETE DIRITTO A 300 EURO AL MESE, MA IL GOVERNO NON VE LO DICE!

mammeLO PREVEDE LA LEGGE, MA VI TENGONO DISINFORMATE!


Sapete che le mamme lavoratrici in Italia hanno a disposizione 300 euro al mese da spendere per la baby sitter o per l’asilo una volta concluso il congedo per maternità? Forse no, ed è per questo che nel nostro paese diverse donne non hanno sfruttato l’occasione. Colpa della burocrazia o della scarsa informazione, comunque i voucher introdotti dalla legge Fornero non hanno riscosso tanto successo. La misura è attiva dal 2013, ma su 11 mila potenziali neomamme, a fare domanda sono state solo tremila.

DI CHE SI TRATTAVA – La riforma del lavoro del giugno 2012 prevede la possibilità di rinunciare al congedo parentale (ex facoltativo) per poter ottenere un contributo pari a 300 euro mensili per servizi di asilo nido e baby sitting. Del caso ne parla oggi il blog del Corriere della Sera la 27esima ora:


Avete presente il congedo parentale, cioè i sei mesi pagati al 30% dopo i cinque mesi di assenza obbligatoria per la maternità? Le neomamme che invece di restare a casa con l’assegno dell’Inps tornavano al lavoro, l’anno scorso potevano chiedere dei buoni lavoro per pagare l’asilo o la baby sitter. Valore: 300 euro al mese per sei mesi, in tutto 1.800 euro. La misura era stata finanziata con 20 milioni di euro per il 2013, soldi sufficienti per pagare i voucher a 11 mila donne. Poche, si dirà, rispetto alla platea potenziale. Mica tanto: alla fine sono arrivate meno di 4.000 domande. 3.762 per la precisione. Di conseguenza è stato speso soltanto il 37% dei fondi.

UNA CACCIA AL TESORO – Come mai così poche? Ed è qui che viene il bello. L’erogazione avviene tramite Inps. Per il 2013 è stato pubblicato il bando apposito. Tempo per presentare le domande? Tra il 1 luglio e il 10 luglio 2013: pochi giorni nel cuore di una rovente estate. Non solo: serve la dichiarazione ISEE (i nuclei con un reddito più basso hanno la precedenza), un asilo accreditato presso l’Inps e una domanda da compilare on line. Quest’ultimo è il passaggio più complicato. Per accedere al sistema in rete è necessario avere un Pin “dispositivo” preventivamente richiesto (e ottenuto) tramite sito dell’INPS. Senza PIN non si può accedere all’ultimo step: il “click day” che lo scorso anno si è tenuto il 28 luglio.
Racconta sempre la 27esima ora:


La questione è stata sollevata nelle scorse settimane dall’onorevole Pd Vittoria D’Incecco. “Il problema è che l’iter per riuscire a ottenere i fondi era troppo complicato e poco pubblicizzato. Ci sono altri 20 milioni stanziati per quest’anno e altrettanti per il 2015. Non possiamo permetterci un altro flop”, osserva d’Incecco. Difficile darle torto. Vediamo allora questi problemi. Primo: gli asili accreditati presso l’Inps dove è possibile spendere i voucher sono una minima parte. Poi la richiesta del contributo andava fatta via Internet. Il tutto attraverso il sito dell’Inps e in un giorno ben preciso: il 28 luglio 2013. Insomma, peggio di una caccia al tesoro. E poi Internet non è una modalità di accesso facile per tutti.

In tanti si sono lamentati della riforma Fornero ma questa formula agevola senz’altro le mamme lavoratrici. Il problema è ottenerla. Si spera che con l’arrivo della nuova estate ci sia un rimedio agli errori precedentemente fatti. Ma finora non ci sono novità: sarà ancora caccia al tesoro. Con un rischio alto: quello di non usare (per l’ennesima volta) tutti i fondi messi a disposizione.



Fonte: http://siamolagente.altervista.org/mamme-avete-diritto-300-euro-mese-governo-non-ve-dice-prevede-legge-vi-tengono-disinformate/

Nessun commento:

loading...
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...